La gestione del cambiamento


Un processo come quello descritto tocca le principali funzioni aziendali e determina profondi cambiamenti in termini di approccio ai problemi, ancor prima che organizzativi.

Questi aspetti devono essere attentamente seguiti e gestiti fino a che i risultati non siano consolidati e i nuovi comportamenti non siano "divenuti naturali" nella cultura dell’azienda.

Per questo motivo il progetto deve prevedere diverse azioni e attività che, complessivamente, chiamiamo gestione del processo di cambiamento e che si possono riassumere nei seguenti punti:

Leadership:

  • identificare all’interno dell’Azienda il Protagonista del processo di cambiamento, ovvero colui che promuove e sostiene il progetto e opera come committment del cambiamento. Solitamente rappresentato dal vertice aziendale o un suo rappresentante "forte"
  • definire, nell’ambito della struttura operativa, 2-3 Lean Leader, che si assumano la responsabilità dell’attuazione e del consolidamento dei risultati.

Team:

  • coinvolgimento delle figure operative con i quali definire un "briefing giornaliero" durante cui discutere i problemi e le possibili soluzioni.
  • comunicare al team di progetto la visione Lean fornendo loro formazione e addestramento.
  • alle conoscenze tecniche necessarie per la partecipazione attiva al progetto (5S, gestione a vista, kaizen, kanban, eccetera).
  • ai nuovi meccanismi operativi da sperimentare (flusso, puntualità, risultato).
  • "meglio il 60% subito che il 100% mai".
  • "non dirmi quanto duramente lavori, dimmi cosa hai realizzato".

A chiusura del progetto pilota:

  • diffondere l’impostazione e i fattori di successo del progetto pilota
  •  provvedere alla "conferma" delle conoscenze tecniche (contestualizzare le attività fatte durante il pilota)
  •  realizzare una integrazione sulle competenze e attitudini richieste dal nuovo modello di cultura organizzativa (ad esempio: lavoro di gruppo, leadership diffusa, delega e responsabilizzazione, gestione del tempo e delle riunioni, eccetera)

Consolidamento risultati:

  • supporto della struttura operativa per rendere stabili i risultati del progetto pilota e trasformarli in pratica consolidata.

Misurazione e controllo:

  • per monitorare l’effettivo consolidamento dei risultati deve essere affinato un’insieme di indicatori con i principali parametri di performance dei vari processi: dal punto di vista della Qualità, dei Costi, della Flessibilità e dei Tempi.

Analisi dei flussi informativi:

  • nella messa a punto dell’organizzazione produttiva saranno definiti i percorsi delle informazioni che alimentano il processo di pianificazione, programmazione, schedulazione e avanzamento della produzione, costruendo il modello di riferimento per i fabbisogni informativi.